Bruciamo la strega

Un video evocativo, surreale, accompagna il primo singolo del nuovo album dei Radiohead “A Moon Shaped Pool”.
Le note di ‘Burn the Witch’ ci catapultano in un bucolico paesino di plastilina, dalle abitudini inquietanti.
Il pastore del villaggio ci accoglie e ci guida idealmente, come guida il visitatore del video (forse un funzionario del governo), alla scoperta di una comunità che, dietro le facce sorridenti e il mercato della frutta, nasconde risvolti inquietanti.

Musicalmente il brano è un susseguirsi di progressioni armoniche insolite, complesse e come sempre molto raffinate e poetiche.

Ma cosa nascondono queste armonie? Cosa hanno voluto comunicarci i Radiohead con questo loro ultimo lavoro?
A mio avviso ci mettono in guardia da avviare una moderna caccia alla strega (richiamata nel titolo). Ci esortano dal non comportarci come l’omino che dipinge di rosso le porte di chi è stato marchiato come pericoloso (“red crosses on wooden doors”).

Chi sono i veri nemici? C’è realmente un nemico da combattere o è tutto frutto di un’invenzione per manipolarci e instaurare un nuovo ordine mondiale? Queste sono le domande che emergono tra le linee melodiche. Non dobbiamo uniformarci agli altri ma piuttosto dobbiamo cercare di sviluppare un senso critico, analizzando fatti e informazioni che riceviamo. Dobbiamo reagire ed opporci alla tendenza dilagante che ci vorrebbe rendere una massa grigia e informe di esseri tutti uguali, apparentemente amorfi. Non dobbiamo avere il timore di spiccare troppo nella folla ed essere additati come diversi e dunque come streghe da cacciare o peggio bruciare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...